Andy Warhol Marilyn Blonde on Pink



0 di 5
 (0 recensioni presenti)
Andy Warhol Marilyn Monroe Blonde on Pink
  • Artista: Andy Warhol
  • Opera: Marilyn Monroe Blonde on Pink
  • Esemplari: 184/200
  • Serigrafia a colori
  • Base: 91,50
  • Altezza: 91,50
  • Anni ’60
  • Provenienza americana

Universalmente riconosciuto come il padre della Pop Art, Andy Warhol ha lasciato un’impronta indelebile nella storia dell’arte del XX secolo, sovvertendone le regole e dando all’arte stessa una nuova “missione”, quella di essere alla portata di tutti. Non solo pittore e scultore, ma anche sceneggiatore, regista e produttore affermato Warhol era convinto che l’arte doveva essere consumata alla stregua di ogni altro prodotto commerciale, in nome di un processo di democratizzazione che non doveva conoscere distinzioni.

Di qui la sua “ossessione” di riprendere e ripetere all’infinito nelle sue opere oggetti e soggetti pescati direttamente dai mass media, con l’intento di privarli di quell’aurea di irraggiungibilità per renderli disponibili a tutti.

In questo senso, particolarmente interessante, è il lavoro avviato da Andy Warhol negli anni Sessanta quando l’artista comincia a realizzare una lunga serie di serigrafie dedicate alle grandi celebrità del cinema e della musica, da Marilyn Monroe a Elvis Presley, da Elizabeth Taylor a Troy Donahue, riproducendo su grandi tele, grazie all’uso di fotografie trasferite con un proiettore, sempre la stessa immagine, di volta in volta “personalizzata” con colori nella maggior parte dei casi molto accesi e vivaci.

Per Warhol, Marilyn è un “volto” familiare in quanto aveva iniziato a “dipingerla” già nel 1962 (Marilyn Diptych), poco dopo la morte della nota attrice. Il Marilyn Diptych è un dipinto serigrafico che conta ben 50 immagini della Monroe (immagine tratta dal film “Niagara” del 1953), delle quali metà vivacemente colorate e metà in bianco e nero, quasi a “commentarne” il rapporto tra la vita e la morte.

Marilyn Monroe Screen Print Portfolio del 1967 è una “palette” di primi piani molto ravvicinati della Monroe, dove ogni stampa ripete il medesimo soggetto ma si personalizza per i colori sempre vivaci, spesso stampati fuori registro per sottolineare il senso di artificialità e produzione industriale.

Il Marilyn Portfolio fu tra i primi lavori prodotti e stampati dalla Factory Additions, New York, la compagnia creata da Warhol per distribuire le sue opere e che omaggiava nel nome il celebre studio al quinto piano del 231 East 47th Street a Midtown Manhattan che l’artista utilizzò dal 1962 al 1968 e che divenne punto di ritrovo di artisti e musicisti come Bob Dylan, Lou Reed, Truman Capote e Mick Jagger.

FacebookGoogle PlusPinterest

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Uso di Cookies su questo sito Questo sito usa cookies, così come fanno la maggior parte dei siti web, per aiutarci a fornirti la migliore esperienza possibile mentre navighi. I cookies sono dei piccoli file di testo scaricati sul tuo computer o smartphone mentre visiti i siti web.

Essi ci aiutano a:

  1. Fare in modo che il nostro sito web funzioni secondo le tue attese
  2. Fare in modo che tu non debba effettuare l'accesso ogni volta che visiti il sito
  3. Memorizzare le tue impostazioni durante e tra le visite
  4. Migliorare la sicurezza e la velocità di caricamento del sito
  5. Permetterti di condividere contenuti su social network come Facebook

Non utilizziamo i cookies per:

  1. Raccogliere dati personali (senza un tuo esplicito assenso)
  2. Raccogliere dati sensibili (senza un tuo esplicito assenso)
  3. Passare dati a network pubblicitari
  4. Passare dati personali a terze parti

Puoi sapere di più sui cookies visitando la pagina Cookies e privacy policy

Chiudi